Come migliorare Memoria e Concentrazione
con i Fiori Australiani

Risolvere i problemi di Memoria e di Concentrazione
con l’ausilio delle essenze del Bush Australiano:
il seminario si è tenuto a Roma nel 2015 con il patrocinio della
Green Remedies S.p.A. Distributore Australian Bush Flower Essences.

MEMORIA e CONCENTRAZIONE

Relatore del seminario Loreto Bizzarri

STRUTTURA DELLE FUNZIONI COGNITIVE

Le funzioni cognitive che caratterizzano le facoltà umane di apprendere, memorizzare e ricordare, si fondano su 2 elementi:
– 1 hard-ware rappresentato dalle complesse ed in parte misconosciute strutture cerebrali;
– 1 soft-ware rappresentato dalle sequenze funzionali e biochimiche del processo cognitivo.

Il tutto è rappresentato in quella struttura fisiologica che conosciamo come Il Cervello: Miliardi di cellule neuronali organizzate per funzioni specifiche, che si interconnettono nelle circonvoluzioni cerebrali e nelle reti neuronali, in un contesto biochimico ancora oggi non del tutto esplorato. Non è semplice giungere a delle conclusioni in questo delicato argomento, tuttavia il segreto per avere le giuste informazioni, quando cerchiamo di sapere o capire qualcosa, è porsi le giuste domande. A proposito del Cervello: A cosa ci serve una struttura così complessa? A quale scopo nell’evoluzione genetica si è resa necessaria una così intricata gestione delle informazioni? C’è una sola logica risposta:
Per garantire la sopravvivenza e migliorare la qualità della vita

Struttura del cervello - MAC LEAN

Per comprendere meglio potremmo paragonare il funzionamento del computer ai processi di apprendimento, con le dovute differenziazioni.

Cervello e Computer

A differenza del computer, studi recenti hanno verificato che i neuroni di un cervello stimolato sviluppano nuove sinapsi e ramificano quelle già esistenti, mentre tende all’atrofia un cervello privato di stimoli anche dal punto di vista biochimico. La memoria è come un “muscolo” e come tale può essere allenato.
Altra differenza col computer: non esistono delle zone del cervello dove vengono memorizzate singole informazioni, poiché ogni informazione è ripartita su un intero complesso di cellule della memoria distribuite nell’encefalo.

Cervello e computer II

Le più recenti ricerche hanno stabilito che le informazioni vengono trattate in 3 diversi depositi con diverse modalità.
– La Memoria Sensitiva o immediata, può trattenere per pochi secondi gli impulsi elettrici che provengono dai 5 sensi;
– una piccolissima parte viene catalogato nella Memoria Primaria, o a breve termine (MBT);
– una selezione emozionale trasferisce le informazioni considerate più importanti nella Memoria Secondaria o a lungo termine (MLT) che può durare anche per tutta la vita.

Le informazioni transitano nella memoria sensitiva e nella memoria primaria per un periodo variabile da pochi secondi ad alcuni minuti. Maggiori sono le possibili associazioni in questo lasso di tempo e tanto maggiori saranno le probabilità che quanto appreso entri nella memoria per tempi più lunghi. Il successivo trasferimento delle informazioni dalla memoria primaria a quella secondaria è un processo delicato e sofisticato.
Ma chi decide quale nozione deve essere ricordata e quale dimenticata? L’IPPOCAMPO…

Puoi scaricare e leggere il file pdf dell’intero seminario

 

Vuoi saperne di più?
Scopri come funziona la visita iridologica.



Le nozioni riportate in queste pagine non sono da utilizzare
né per scopi diagnostici né terapeutici.
Per qualsiasi diagnosi e/o trattamento di malattie rivolgersi
al proprio medico e/o ad uno specialista.






TORNA ALLA HOME oppure continua a navigare dal menu in alto