Cos'è l'Iridologia

L’iridologia è una tecnica diagnostica basata sull’osservazione e l’interpreatzione dei segni presenti nell’occhio umano. L’iridologia determina lo stato di salute attraverso una valutazione dettagliata delle macchie, dei pigmenti e delle lacune presenti sull’iride. L’iridologia fornisce preziose informazioni sullo stato di salute e può essere un valido aiuto per la Salutogenesi. L’iridologia non è in grado di individuare la presenza di malattie ma  è di grande aiuto nell’evidenziare i punti di deboli dove la malattia potrebbe manifestarsi.

Prenota la visita

L’Iridologia assegna ad ogni zona del’iride una zona riflessa del corpo, così come in tutte le riflessologie. L’iridologia interpreta i segni presenti nelle zone dell’iride collegate alle zone del corpo per dare una valutazione sullo stato della salute. L’iridologia in questo modo permette di ottenere  informazioni preziose per la Salutogenesi ed è di supporto alla clinica nel dare eventuali zone a rischio da accertare.
Dopo gli entusiasmi dei primi iridologi del ‘900, oggi sappiamo con certezza che non è possibile formulare una diagnosi clinica dalla sola visita Iridologica. Chi pratica l’Iridologia, durante la visita iridologica, dovrebbe sempre precisare il suo campo d’applicazione rispetto alla clinica ed alle analisi di laboratorio:

non è alternativa ma complementare.

Va sottolineato che dall’Iride si ottengono informazioni di tipo riflesso, che non arrivano attraverso l’indagine diretta condotta su di un organo o una funzione organica. Quello che osserviamo nell’iride con la visita iridologica è il riflesso biologico che attraverso il Sistema Nervoso, il Sangue ed il Cervello, torna all’Iride portando le informazioni sullo stato di salute di un organo oppure di una funzione organica.
Attraverso una buona visita iridologica si può certamente valutare il livello di salute di un organo, ma non si può differenziare il tipo di malattia clinica presente al momento. L’iride riporta la storia genetica e fenotipica, spalmata sull’asse del tempo di qualche generazione. Potremmo così essere portatori di segni nell’iride che riguardano una malattia di qualche nostro predecessore, ma di cui non abbiamo alcun sintomo. In iridologia non si parla delle malattie ma delle eventuali predisposizioni ad esse. Per questo la presenza della malattie al momento dell’osservazione non è certa e  con l’iridologia non sappiamo neanche se ciò possa accadere in futuro o magari sia già accaduto. Che dire quindi dell’Iridologia ed il tumore? In questo ambito sono stati condotti dei test per misurare l’attendibilità diagnostica dell’iridologia rispetto alla malignità dei tumori: i risultati sono del tutto insoddisfacienti:

iridologia e tumori

Perciò quando vogliamo ottenere una diagnosi clinica abbiamo bisogno di un esame clinico specifico che, con l’assistenza di un medico, possa accertare concretamente l’eventuale presenza di una malattia.

L’Iridologia tradizionale resta una preziosa risorsa per la salute.
Per saperne di più potreste leggere questo articolo sulla Candida albicans, oppure quest’altro sull’Ansia.
D’altro canto sappiamo come in molte situazioni le indagini cliniche abbiano una certa difficoltà ad individuare la radice primaria di una serie lunghissima di sintomatologie tra loro concatenate e conseguenziali. In questi casi l’Iridologia è un potente strumento che, con uno sguardo più omnicomprensivo, la visita iridologica può risalire ad una dipendenza primaria. In questi casi l’Iridologia può mirare le analisi cliniche verso quella che potrebbe essere la causa principale. Pertanto, nella clinica, il ruolo dell’Iridologia resta complementare alle analisi di laboratorio ed alle tecniche diagnostiche come T.a.c, risonanze magnetiche, ecografie, etc. Nell’Iride non esistono segni di esclusiva rilevanza clinica rispetto al soggetto osservato. Ci potrebbero essere ad esempio dei segni riconducibili al diabete, ma non c’è la possibilità certa di un riscontro clinico diretto sul soggetto osservato, potrebbe trattarsi di una memoria genetica. Questo elemento, durante la visita iridologica, va sottolineato onestamente, perché l’Iride parla un linguaggio più ampio, che comprende informazioni a largo spettro che vanno interpretate nella giusta maniera. In questo caso potrebbe trattarsi di un diabete che un familiare ha avuto e di cui il soggetto osservato porta il ricordo senza subirne le conseguenze. E’ una legge di natura. Quando un segno Iridologico viene interpretato fisiologicamente è in termini di una predisposizione.

Come funziona la visita Iridologica (Roma, Bologna, Cagliari)

Ad ogni zona dell’iride è stato attribuito un significato, rilevato scientificamente a livello statistico, circa l’indicazione rispetto ad organi o funzioni. Si sono così redatte delle Mappe Iridologiche che servono appunto per orientarsi nell’individuazione delle correlazioni tra segni iridologici ed il loro significato.

Prenota la visita

Le mappe più semplici, come quella nella foto sopra redatta da Sigfrid Rizzi, sono le più attendibili. Quelle invece con maggior dettaglio riguardo alla fisiologia racchiudono in sè una maggior probabilità di incertezza. In ogni caso, chiarita la relazione con le diagnosi cliniche, una buona visita iridologica permette di avere una panoramica di informazioni a vari livelli della fisiologia che nessun altra metodica può fornire. Alcuni esempi:

– L’età fisiologica è diversa da quella anagrafica. Ereditare una malattia importante, oppure essere sottoposto a stress severi dalle circostanze della vita, o ancora condurre insane abitudini (alcol, droga, abusi alimentari, etc.), in ogni caso tutto ciò significa che le strutture fisiologiche hanno subito un degrado più veloce di quello che nella normalità sarebbe accaduto. Dall’iride si può valutare l’età fisiologica e quindi riscontrare un eventuale invecchiamento precoce.

– Le memorie genetiche delle malattie che hanno afflitto i nostri predecessori e che si sono a noi trasferite sono rilevabili attraverso la visita iridologica. In questo modo si può riconoscere il tipo di rischio fisiologico e fare una buona prevenzione. Se ad esempio ho una predisposizione a disturbi polmonari cercherò di fare attenzione a quello che respiro e se capito in una fabbrica dove si respirano veleni allora saprò di essere più vulnerabile degli altri.

– La trama dell’iride, se la consideriamo alla stregua di un tessuto, fornisce un parametro per valutare l’assetto del tessuto connettivo. Ad una trama diradata corrisponde un tessuto connettivo lasso, mentre una trama fitta depone a favore di un connettivo compatto. Posso in questo modo valutare la possibilità di seguire sport estremi che sottopongono l’apparato osteo-articolare ad intense stimolazioni di tipo meccanico, ovvero che sono predisposto a frequenti distorsioni, lussazioni, etc.

IRIDOLOGIA ALLA PORTATA TUTTI

L’elenco delle possibilità di indagare attraverso l’osservazione iridologica è molto ampio e questa sede non è la più adatta. Ma se c’è il vostro interesse vi propongo un piccolo corso:
IRIDOLOGIA ALLA PORTATA TUTTI

Scarica il corso

SEMINARIO DI IRIDOLOGIA

Se siete interessati, guardate l’estratto video del Master DI IRIDOLOGIA 2016 tenuto a Roma presso l’Accademia Chiron

Guarda il video