La Coscienza: un organo di senso in continua dinamica tra Colpa ed Innocenza

La coscienza personale, secondo Bert Hellinger,
si forma intorno al canone delle regole del gruppo.

Il senso di Colpa o di Innocenza
non hanno nulla a che vedere con il bene ed il male,
ma dipendono dal rispetto delle regole
condivise nel gruppo.

Come funziona la coscienza

la CoscienzaIl rispetto delle regole condivise nelle relazioni con gli altri fa sorgere nella persona  un sentimento di “Innocenza”. Quando invece non vengono onorate quelle regole condivise dello stare insieme, la coscienza segnala immediatamente un disagio nel mondo delle relazioni che si esprimerà con un sentimento di “Colpa”. Il movimento dell’Anima è sempre motivato ed ha lo scopo ultimo di garantire e proteggere i legami. Nel bisogno di legami forti, descritto nel primo punto, la coscienza attinge le informazioni dal sistema familiare. Quest’ultimo è composto dai genitori, dai nonni, dai fratelli dei genitori, dai propri fratelli e sorelle. E’ nel Sistema d’Origine appena descritto che si generano i più forti ed influenti legami affettivi. Successivamente nella vita ed in seguito alla scelta di condividere la vita con un partner, si formano degli altri legami familiari anch’essi molto forti, che vengono configurati come Sistema Attuale. Osserveremo quindi entrare a far parte del sistema familiare i partner ed i figli. In questo Sistema Famiglia la coscienza vigila con un monitoraggio costante affinché ogni membro del clan familiare non perda l’appartenenza. Ogni membro del sistema familiare ha il suo diritto di appartenenza e nessuno degli altri può negargli il posto che gli spetta. E’ un diritto che va rispettato. Qualora questo avvenga è la coscienza che segnalerà che qualcosa non va bene e contemporaneamente si avvierà all’interno della famiglia stessa un processo che tenderà a ristabilire l’ordine con l’obbiettivo di reintegrare il membro della famiglia che per qualsiasi motivo è stato dimenticato. Questo può accadere quando si esclude dalla propria memoria qualcuno che ha molto sofferto, o che ha fatto qualche azione malevola, o ancora che sia stato sacrificato o diventato pazzo. La perdita di appartenenza è il disagio più profondo e genera la maggior sofferenza. La nostra memoria per sua economia può anche dimenticare qualcuno, ma il sistema ha una sua memoria e l’esclusione di persone che hanno diritto di appartenenza al alla famiglia è una dinamica  potenzialmente capace di dissestare una famiglia. Sembra essere proprio per sanare la perdita di appartenenza che, apparentemente senza una logica, la coscienza Sistemica tenda ad influenzare, a volte in modo drammatico, il destino dei familiari di colui che ha perso l’appartenenza stessa.

Leggi la Recensione a cura di LUCIA DIPIETROGIACOMO

la coscienza

I limiti dell’amore secondo Bert Hellinger:

Il nostro amore è limitato dai nostri sentimenti d’innocenza e colpa. Chiunque si sente innocente esclude qualcuno. Visto che si sente migliore, esclude qualcuno. L’innocenza la percepiamo con una buona coscienza. È, quindi, la nostra buona coscienza a limitare il nostro amore.

Tutto l’occidente era sotto il sortilegio della buona coscienza, finché non sono arrivato io. Lo dico semplicemente così. Perché io ho riconosciuto che è la coscienza la causa di tutti i grandi conflitti. Tutti i grandi conflitti vengono condotti con buona coscienza. Si è arrivati perfino a definire la coscienza la voce di Dio nell’anima che va seguita ad ogni costo.

Cosa significa seguire la coscienza? Combattere gli altri:ecco cosa significa, molto spesso. Chi segue la coscienza ha un’immagine di Dio, nel nome del quale con buona coscienza combatte gli altri, che a loro volta hanno un altro Dio. Lo dico in modo un po’ brusco ma è questo quel che si è mostrato.

Attraverso il modo nuovo di condurre le costellazioni familiari abbiamo potuto constatare, che c’è un movimento dello spirito, che unisce ciò che era diviso, cosicché le differenziazioni tra meglio e peggio e tra bene e male decadono.

Qui si mostra l’amore più grande che acconsente a tutto, così com’è in sintonia con quelle forze che governano realmente il mondo.

Come questo può accadere e dove ciò ci condurrà, lo vedremo ora nella pratica. Lavorerò quindi con qualcuno di voi che vuole lavorare con me e vi mostrerò e vi farò vedere ciò nello specifico. Poi lo spiegherò e vi condurrò oltre sul percorso di questo amore puro. Questo grande amore, è un amore puro senza Io perché abbraccia tutto allo stesso modo, noi compresi.






TORNA ALLA HOME oppure continua a navigare dal menu in alto